I Seminari

IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI ALIMENTARI

Il videocorso offre una trattazione ampia dei disturbi alimentari dalla diagnosi alla terapia.

Read more

videocorsi

EMDR Europe's 14th Annual Conference

EMDR Europe's 14th Annual Conference, Ginevra, 6 – 8 Giugno 2013
“EMDR Uniting Nations: Promoting Peace within and between People”

Bruna Maccarrone

Dal 6 all’8 giugno 2013, presso il Centro Internazionale Congressi di Ginevra (CICG – Centre International de Conferénces Genève)  ha avuto luogo  la 14' Conferenza Europea dell' EMDR dal titolo “EMDR Uniting Nations: Promuovere la Pace nelle e tra le Persone”.


Parallelamente al Congresso, si sono svolte due giornate di incontri e presentazioni pro bono dal titolo: “ Help to Alleviate the Global Burden; New Opportunities for the Governments, UN Agencies and Civil Society”, per i rappresentanti delle organizzazioni umanitarie e di sviluppo dell’ONU, durante le quali  vari esperti nel campo della Psicotraumatologia  e dell'EMDR  (in tutto 28 relatori) hanno condiviso le loro conoscenze ed esperienze.
Pertanto, la Conferenza di quest’anno si è distinta dalle precedenti perché è la prima in assoluto svolta in collaborazione tra l’Associazione EMDR Europa, l’EMDR Europe HAP (Humanitarian  Assistance Programme), l’UNITAR (United Nations Institute for Training and Research) e la ‘NGO Forum for Health’ (una organizzazione che ha come obiettivo quello di creare un’alleanza e un accordo sul tema della salute globale tra le organizzazioni non governative, le agenzie delle Nazioni Unite e i governi), e ha gettato le basi per futuri progetti di collaborazione in termini di programmi di formazione e assistenza umanitaria, accrescendo così il prestigio e la diffusione dell’EMDR nell’ambito della salute a livello internazionale.


Inoltre, questa è stata la prima Conferenza Europea organizzata dall’Associazione EMDR Europa, e la seconda Conferenza Europea di EMDR in cui - oltre alle sessioni plenarie - si è aggiunto un vario e interessante programma di ben 16 workshop,  e di incontri tematici (SIG - Special Interest Group) sull’applicazione dell’EMDR a specifiche popolazioni o problematiche (es. disturbi alimentari, sex offenders di minori, prestazioni di eccellenza, etc.).
La conferenza, che ha visto la partecipazione di più di 400 psicologi e psichiatri provenienti da più di 40 differenti Paesi,  si aperta con il saluto del Dott. Udi Oren, Presidente dell’Associazione EMDR Europa,  il quale ha messo in evidenza come le vittime di conflitti armati, guerre, disastri naturali e fenomeni migratori siano altamente esposte al rischio di sviluppare  un Disturbo da Stress Post-Traumatico, e pertanto il tema centrale della conferenza di quest’anno, come ricorda il titolo, é stato il ruolo dell’EMDR all’interno dei progetti di assistenza umanitaria in termini di sostegno e formazione di professionisti e per interventi precoci nelle comunità colpite.  
A seguire, è avvenuta la consegna del “Premio David Servant Schreiber”  per il miglior contributo nel campo dell'EMDR, che quest’anno è stato assegnato al Dott. Derek Farrell, Presidente dell’EMDR Europe HAP.


La prima sessione plenaria ha visto l’intervento del Prof. Mukesh Kapila, docente all’università di Manchester (Global Health and Humanitarian Affairs), esperto in temi quali i crimini contro l’umanità, la gestione di conflitti e disastri e il tema della salute pubblica globale.   In passato ha lavorato per le Nazioni Unite ricoprendo vari incarichi di rilievo, tra i quali quello di coordinatore della missione in Sudan dove ha vissuto da vicino le vicende del genocidio in Darfur. E’ proprio da questa esperienza che è nato il suo libro “Against a tide of evil”, pubblicato lo scorso marzo 2013. Nell'affrontare il tema del genocidio, ha fatto una descrizione accurata e agghiacciante del tipo di personalità che caratterizza i promotori e attori di tali omicidi di massa, lanciando una sfida all’EMDR, nella speranza che la guarigione delle 'ferite' generate da tali atrocitá possa dare vita a generazioni più sane, interrompendo cosí la trasmissione intergenerazionale del "male".


In linea con il prof. Mukesh, l'intervento in plenaria del Dott. Mark Van Ommeren, ricercatore e figura chiave presso il quartier generale della  WHO (World Health Organization)  in tema di salute mentale e sostegno psicosociale  prima e dopo situazioni di emergenza. Van Ommeren, che di recente ha sviluppato le linee guida cliniche dela WHO per  il trattamento della depressione e del PTSD, ha sottolineato la necessità e l'importanza di sviluppare metodi evidence based nel campo della salute mentale, al fine di avere strumenti di cura standardizzati oltre che di sicuro ed ampio impiego nei vari contesti di emergenza a livello mondiale. A tal fine, ha posto  l'accento sulla necessitá di migliorare le metodologie di ricerca,  di puntare a campioni piu ampi (almeno 300 soggetti),  e pur riconoscendo il valore e la comprovata efficacia di metodologie quali l'EMDR e la CBT, ha sottolineato alcuni punti deboli delle metodologie di ricerca usate fino a oggi, sollecitando un pò  provocatoriamente, ma pur tuttavia bonariamente, una maggior cura e fedeltá a quei criteri necessari affinchè i risultati possano essere piu ampiamente generalizzabili.
I workshop presentati nelle due successive giornate sono stati tutti molto interessanti e hanno toccato vari ambiti di applicazione dell'EMDR con diverse tipologie di popolazioni, tra cui citiamo il workshop del Dott. Derek Farrell che ha illustrato un piano di trattamento EMDR per  le vittime di abuso nell'infanzia da parte del Clero appartenente alle diverse denominazioni religiose,  un tema di triste attualità.


Molto interessante anche il workshop di tre colleghi olandesi, D. Van Der Berg, P. De Bont and B. Van Der Vleugel, che hanno parlato di “Trauma e Psicosi”, riportando i dati di alcune ricerche che hanno evidenziato come l'esposizione a gravi traumi nell'infanzia triplichi il rischio di esordio psicotico nell'età adulta. L'EMDR puó essere utilizzato per elaborare le esperienze traumatiche che continuano a irrompere nella coscienza con un elevato impatto emotivo negativo (primo metodo), oppure può essere indirizzato verso quelle esperienze che hanno generato, e ancora mantengono, le convinzioni irrazionali negative su di sè e sul mondo (secondo metodo).
Anche quest'anno gli spagnoli hanno dato un grande contributo, uno dei quali é stato il workshop sull'applicazione dell'EMDR nel Disturbo Bipolare, condotto dal Prof. Benedikt Amann, psichiatra e psicoterapeuta,  che ha sottolineato il ruolo del trauma alla base dello sviluppo di molti disturbi mentali gravi, e ha poi illustrato i primi risultati di uno studio pilota controllato sull'applicazione dell'EMDR con pazienti affetti da Disturbo Bipolare, i quali dopo il trattamento hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi associati al trauma e una maggiore stabilizzazione dell'umore.
Significativo,  anche il contributo dei colleghi italiani che hanno presentato tre workshop, uno dei quali condotto dalla dottoressa Isabel Fernandez, presidente dell'Associazione per l'EMDR in Italia, la quale insieme al collega israeliano Elan Shapiro, ideatore del Protocollo EMDR per l'Episodio Traumatico Recente (R-TEP), ha affrontato il tema dell'intervento precoce con EMDR nei disastri di massa. Nello specifico la dottoressa Fernandez ha parlato dell'intervento fatto lo scorso anno in Emilia nei giorni successivi al terremoto, dove più di 2000 sopravvissuti sono stati trattati con l'EMDR, e ha quindi riportato i dati epidemiologici e i cambiamenti relativi lo stress post-traumatico valutati prima e dopo l'EMDR. Infine ha illustrato le linee guida pratiche per implementare l'EMDR nella fase acuta e cronica del trauma dopo un disastro di massa.


Al termine della terza giornata,  come é ormai consuetudine,  la consegna del Premio Francine Shapiro per la ricerca giunto ormai alla sua quarta edizione, che quest'anno è stato assegnato alla Dott. Ad De Jong, per uno studio condotto insieme ad altri colleghi, in cui viene messa a confronto l'efficacia di un intervento di psicoterapia eclettica breve  (Trauma-Focused CBT)  con la terapia EMDR rispetto al trattamento del Disturbo da Stress Post-Traumatico (Brief Eclectic Psychotherapy vs. Eye Movement Desensitisation and Reprocessing Therapy for Post-Traumatic Stress Disorder: Randomised Controlled Trial, di Mirjam J. Nijdam, Berthold P. R. Gersons, Johannes B. Reitsma, Ad de Jongh and Miranda Olff).


La conferenza si é conclusa con la sessione plenaria condotta dal  Prof. Karl H. Brisch, docente universitario, psichiatra e psicoterapeuta esperto nel trattamento di bambini e adolescenti, e direttore del Dipartimento di Psicoterapia e Medicina Psicosomatica Pediatrica presso  il Dr. Von Hauner Children’s Hospital Ludwig-Maximilians-University di Monaco. Il Prof. Brisch ha parlato del ruolo dei traumi dell'attaccamento e dei disturbi dell'attaccamento nello sviluppo di gravi psicopatologie, e  ha poi illustrato un piano di trattamento intensivo con EMDR in cui si attua la presa in carico di tutti i componenti della famiglia, lavorando sui reciproci traumi dell'attaccamento con l'obiettivo non solo di ristabilire la salute psicologica dei singoli membri della famiglia, ma anche di interrompere la trasmissione intergenerazionale di stili di attaccamento disfunzionali e quindi di prevenire lo sviluppo di gravi e precoci psicopatologie.
L'anno prossimo la quindicesima edizione della Conferenza Europea dell’EMDR avrá luogo a Edinburgo, dal 26 al 29 Giugno, e  celebrerà anche un importante evento, ovvero il 25' anniversario della nascita dell'EMDR, pertanto non potrà mancare l'ideatrice del metodo, la Prof. Francine Shapiro, che onorerà i partecipanti con la sua presenza, aprendo i lavori congressuali.

Dott.ssa Bruna Maccarrone,  psicologa psicoterapeuta, supervisore e membro del direttivo della "Associazione per l’EMDR in Italia”







News & Eventi

Prev Next
PAGANI Workshop Roma 16 Novembre

PAGANI Workshop Roma 16 Novembre

Marco Pagani SOTTO LA MENTE: FISIOPATOLOGIA DEI PROCESSI CEREBRALIRoma, sabato...

Read more
Congresso Nazionale della Associazione Italiana per l’EMDR

Congresso Nazionale della Associazione I…

Si terrà a Milano, presso il MI-CO (Milano Congressi), il...

Read more
L’inconscio cristiano di Sigmund Freud

L’inconscio cristiano di Sigmund Freud

Paul C. Vitz: L’inconscio cristiano di Sigmund Freud, a cura...

Read more
Giampaolo Nicolais: Il bambino capovolto

Giampaolo Nicolais: Il bambino capovolto…

Giampaolo Nicolais: Il bambino capovolto. Per una psicologia dello sviluppo...

Read more
Guarire la frammentazione del sé. Come integrare le parti di sé dissociate dal trauma psicologico

Guarire la frammentazione del sé. Come i…

Janina Fisher: Guarire la frammentazione del sé. Come integrare le...

Read more
Processi cognitivi e disregolazione emotiva

Processi cognitivi e disregolazione emot…

VITTORIO GUIDANO, GIOVANNI LIOTTI E IL CUCCHIAIO DI FILIPPO IL...

Read more
Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'atto terapeutico

Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'a…

Fabio Monticelli recensisce: Bruno Bara: Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'atto...

Read more
Protocollo MBSR

Protocollo MBSR

Protocollo MBSR: inizio giovedì 29 novembre dalle 20.00 alle 22.00 Al via il...

Read more
La Casa della Solidarietà

La Casa della Solidarietà

Il CCDS offre la propria consulenza a La Casa della...

Read more
Il CCDS costituisce l'associazione Libera.mente

Il CCDS costituisce l'associazione Liber…

Il CCDS annuncia la nascita dell'associazione Libera.mente: una associazione no...

Read more
Neurofarmagen, test genetico salivare

Neurofarmagen, test genetico salivare

Il Centro Clinico de Sanctis utilizza Neurofarmagen, il test genetico...

Read more
CENTRO CLINICO DE SANCTIS Sede Legale: Viale XXI Aprile 15, 00162 Roma | Sede operativa Via F. De Sanctis 9, 00195 Roma p.Iva 09322031007
Tel: 06.97614021 / 4986/5103 | Informativa estesa cookies
Sito: www.centroclinicodesanctis.it | Email: info@centroclinicodesanctis.it sito joomla realizzato da Pensare Web

Login or Register

LOG IN