I Seminari

IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI ALIMENTARI

Il videocorso offre una trattazione ampia dei disturbi alimentari dalla diagnosi alla terapia.

Leggi tutto

videocorsi

Antonio Onofri del nuovo libro di Piergiorgio Paterlini: Bambinate

Piergiorgio Paterlini: Bambinate. Einaudi, Torino 2017, pp. 152, Euro 16.50

recensione di Antonio Onofri

Un’assenza caratterizza il bel romanzo, Bambinate, di Pier Giorgio Paterlini, appena pubblicato da Einaudi. L’assenza di figure genitoriali realmente adulte, accudenti, sensibili e protettive e, appunto, davvero adulte. Quegli adulti – per carità, forse rari anche nel mondo reale, ma non assenti del tutto – capaci di una almeno un po’ accurata teoria della mente (per usare il linguaggio tecnico di noi psichiatri e psicologi) dell’altro e del bambino, che orientino e guidino l’attenzione e i propri sentimenti verso di loro.  

Nel romanzo, così ben scritto – caratterizzato da una prosa quasi pittorica, secca, efficace, sempre scorrevole e certo priva di ogni retorica – gli adulti veri mancano. Sono morti, per esempio. O comunque distratti, frettolosi, inaffidabili, non presenti, insensibili, disattenti. Soprattutto proiettano sul bambino un’immagine dell’infanzia edulcorata e idealizzata, che impedisce loro di coglierne gli aspetti tragici di solitudine e di ferocia presenti negli scambi agonistici tra pari, nelle dinamiche di potere del branco, nel sadomasochismo (i perversi poliformi di freudiana memoria) che permea l’esplorazione della sessualità prepuberale. Per questo “i grandi” non si accorgono, non vedono, sono ciechi. Anzi, “ciechi come tutti”, secondo la riflessione terribilmente pessimistica del protagonista del racconto.

La lettura del romanzo, dalla trama avvincente come quella di un giallo, ci conduce rapidamente verso la scoperta del male – sì, quasi del “male assoluto” potremmo dire – presente nell’infanzia. Tra bambini-adulti. E lo fa senza cercare alcuna scusante, alcuna giustificazione, senza utilizzare alcun facile psicologismo. Senza alcun atteggiamento consolatorio. Lo fa con gli occhi di quell’Io narrante che dà voce al romanzo. Un adulto-bambino, stavolta, opposto e speculare al bambino che fu, rimasto prigioniero di eventi drammatici e traumatici. Un adulto fermo al passato, all’infanzia rubata, che non a caso troviamo a pensare tra sé e sé che quelle del bullismo – perché è questo il tema al centro della storia - sono “ferite che non guariscono. mai. non possono guarire”. Nessuna possibile resilienza, diremmo nuovamente noi “tecnici”. Nessuna elaborazione, nessun riscatto, nessuna crescita post-traumatica. Si può solo soccombere o coltivare il rancore e il desiderio di vendetta. In maniera simmetrica a un altro adulto-bambino presente nel romanzo, il personaggio che coattivamente ripete i rituali e gli scenari dell’infanzia continuando a “sfruttare sessualmente dei ragazzi in fuga da guerre atroci….”

Ma torniamo ai bambini. “Codesta dunque l’innocenza infantile? No, Signore, no, mio Dio, essa non esiste”. E’ di Agostino di Ippona l’incipit del romanzo. Proprio di quel Sant’Agostino considerato il fondatore della psicologia. Quel sant’Agostino per il quale il male altro non era che “privatio boni”, cioè assenza di bene, e di certo non una forza assoluta autonoma e indipendente dalla storia.

Il libro genera inevitabilmente nel lettore proprio quelle riflessioni – prettamente psicologiche – che di certo volutamente l’autore ha escluso dalla narrazione. Di che cosa è il prodotto quella crudeltà? Da quali esperienze a sua volta deriva? Il male è naturale o no? O è il frutto di infanzie malate? E’ vero che i bulli e gli abusanti sono quasi sempre abusati? O questo è di nuovo solo il tentativo di voler spiegare l’inspiegabile? Di voler negare una realtà amara, terribile e sgradevole? I bambini hanno colpa? Quale la continuità tra il bambino che si è stati e l’adulto che si è diventati? Che cosa accade nelle case di questi bambini? Ci si può separare dalla propria infanzia? I genitori, nel bel romanzo di Piergiorgio Paterlini - poco più di un racconto lungo – semplicemente non ci sono, se ci sono non vedono, se vedono non capiscono….

La psicotraumatologia ci dice che l’esposizione alla trascuratezza durante gli anni dello sviluppo della personalità non solo non protegge dal male ma che è essa stessa una delle cause sicuramente implicate in tanto male. Una delle variabili più importanti in gioco. Questo emerge dalla ricerca scientifica che si occupa di bambini. Ma se il nostro, secondo l’autore, è un mondo senza più genitori, forse emerge anche come un mondo senza più figli.

Antonio Onofri


ACQUISTA ORA

News & Eventi

Prev Next
Nuovo gruppo esperienziale Ri-Conoscere il corpo

Nuovo gruppo esperienziale Ri-Conoscere …

L’esperienza corporea è ciò che ci guida fin dalla nascita...

Leggi tutto
Maria Zaccagnino: Nuove prospettive nella cura dei disturbi alimentari

Maria Zaccagnino: Nuove prospettive nell…

Il ruolo dell’attaccamento nel lavoro clinico con EMDR, Franco Angeli...

Leggi tutto
Recensione del Prof FABRIZIO GIULIMONDI* del nuovo libro di Cecilia La Rosa e Antonio Onofri

Recensione del Prof FABRIZIO GIULIMONDI*…

Depressione, affrontare il male (non più) oscurodi Cecilia La Rosa...

Leggi tutto
Recensione di Antonio Onofri - Nuvole di fango

Recensione di Antonio Onofri - Nuvole di…

Inge Schilperoord (2017): Nuvole di fango. Fazi Editore, Roma. Pagine...

Leggi tutto
Convegno internazionale "FERMARSI PRIMA"

Convegno internazionale "FERMARSI P…

Il CIPM (Centro Italiano per la Promozione della Mediazione) -...

Leggi tutto
Antonio Onofri del nuovo libro di Piergiorgio Paterlini: Bambinate

Antonio Onofri del nuovo libro di Piergi…

Piergiorgio Paterlini: Bambinate. Einaudi, Torino 2017, pp. 152, Euro 16.50 recensione...

Leggi tutto

Recensione del 18° Congresso Europeo EMD…

Recensione del 18° Congresso Europeo EMDR, tenutosi presso la Fiera di Barcellona...

Leggi tutto
Recensione di Cheli del libro di Antonio Onofri e Cecilia La Rosa: Trauma, abuso e violenza

Recensione di Cheli del libro di Antonio…

Recensione di Cheli del libro di Antonio Onofri e Cecilia...

Leggi tutto
Recensione di Carchedi del libro di Pallanti “Oltre la schizofrenia”

Recensione di Carchedi del libro di Pall…

Recensione di Carchedi del libro di Pallanti “Oltre la schizofrenia”

Leggi tutto
L’accoglienza ai migranti: corso pratico-teorico per professionisti. III ed. Roma – Settembre 2017

L’accoglienza ai migranti: corso pratico…

Si terrà a Roma dal Settembre 2017 al Gennaio 2018...

Leggi tutto
La Casa della Solidarietà

La Casa della Solidarietà

Il CCDS offre la propria consulenza a La Casa della...

Leggi tutto
Il CCDS costituisce l'associazione Libera.mente

Il CCDS costituisce l'associazione Liber…

Il CCDS annuncia la nascita dell'associazione Libera.mente: una associazione no...

Leggi tutto
Il lutto - Psicoterapia cognitivo evoluzionista e EMDR

Il lutto - Psicoterapia cognitivo evoluz…

Il lutto Psicoterapia cognitivo evoluzionista e EMDR "Questo libro affronta il tema...

Leggi tutto
Neurofarmagen, test genetico salivare

Neurofarmagen, test genetico salivare

Il Centro Clinico de Sanctis utilizza Neurofarmagen, il test genetico...

Leggi tutto
L’evoluzione delle emozioni e dei sistemi motivazionali

L’evoluzione delle emozioni e dei sistem…

A cura di Giovanni Liotti, Giovanni Fassone , Fabio...

Leggi tutto
Corso di riduzione dello stress basato sulla pratica della consapevolezza

Corso di riduzione dello stress basato s…

IL PROTOCOLLO MBSR è stato messo a punto sul finire...

Leggi tutto
CENTRO CLINICO DE SANCTIS Sede Legale: Viale XXI Aprile 15, 00162 Roma | Sede operativa Via F. De Sanctis 9, 00195 Roma p.Iva 09322031007
Tel: 06.97614021 / 4986/5103 | Informativa estesa cookies
Sito: www.centroclinicodesanctis.it | Email: info@centroclinicodesanctis.it sito joomla realizzato da Pensare Web

Login or Register

LOG IN