Mindfulness Based Cognitive Therapy (MBCT)


Cos’è la Mindfulness?

Con il termine Mindfulness, o attenzione consapevole, indichiamo una qualità della mente che può essere coltivata attraverso specifiche tecniche e che, se stabilizzata nel tempo, ci permette di sperimentare un contatto più autentico con i nostri pensieri, le nostre sensazioni e le nostre emozioni.

Essere consapevoli o mindful significa sentire e sapere con maggiore lucidità cosa ci sta accadendo in questo momento e, soprattutto, ci permette di rispondere in modo più equilibrato e salutare alle diverse esperienze che si presentano nella nostra quotidianità, a maggior ragione quelle difficili.

Questo non significa assumere un atteggiamento di passività di fronte alla sofferenza, bensì essere liberi di rispondere ad essa con un atteggiamento più chiaro e consapevole, che può sorgere solo dopo averla pienamente accettata e compresa.

 

Le Origini Mindfulness

Il termine Mindfulness è stato “coniato” dal Prof. Jon Kabat Zinn dell’ospedale di Boston agli inizi degli anni ’80. Biologo molecolare e ricercatore, Kabat Zinn è anche un meditatore esperto di Vipassana (una delle più antiche tecniche di meditazione buddhista) e proprio in quegli anni ha la profonda intuizione di strutturare l’MBSR (Mindfulness based stress reduction), un protocollo per la riduzione dello stress basato su specifiche tecniche che permettono una visione profonda (traduzione letterale di Vipassana) della propria esperienza mentale e corporea.

Il successo raccolto da questo primo protocollo sperimentato all’ospedale di Boston su un’ampia ed eterogenea popolazione di pazienti è stato così unanime che da allora la Mindfulness è diventata oggetto di numerose e incoraggianti ricerche ed è stata inserita in una serie di validati protocolli, non solo nell’area della salute mentale, ma anche in ambito prettamente medico, scolastico, aziendale e sportivo.

Il protocollo MBSR

L’MBSR o protocollo di riduzione dello stress attraverso la consapevolezza, è un percorso di due mesi, costituito da otto incontri monosettimanali di gruppo della durata di due ore ciascuno più una giornata di intensivo di 6 ore.
Durante questi incontri i partecipanti (da un minimo di 5 ad un massimo di 15) sono guidati in un percorso strutturato in una serie di tecniche mentali e corporee, alternato a momenti di riflessione e condivisione dell’esperienza, con lo scopo di apprendere come sviluppare consapevolezza, attenzione e presenza mentale.

L’obiettivo del training è quello di apprendere una modalità di risposta allo stress quotidiano, di qualunque natura esso sia, meno reattiva e automatica e allo stesso tempo di potenziare le capacità metacognitive (cioè il saper riflettere sui processi mentali propri ed altrui), la regolazione emotiva, la flessibilità di risposta, la connessione corporea.

Nelle settimane di intervallo tra un incontro ed il successivo ai partecipanti è richiesto di esercitarsi quotidianamente a casa sulle tecniche insegnate al gruppo, grazie a materiali di supporto forniti (CD audio, dispense etc) e le indicazioni date durante il training. I partecipanti sono ammessi al protocollo di gruppo dopo aver sostenuto un colloquio individuale di tipo informativo, dove viene spiegata la natura e lo scopo del training e dove vengono apprese e valutate le motivazioni di chi intende prenderne parte.

Il protocollo MBCT
“E’ stupefacente quanto sia liberatorio l’essere capaci di vedere che i tuoi pensieri sono solo pensieri e che non sono te stesso o la realtà...il semplice atto di riconoscere i tuoi pensieri come pensieri, può renderti libero dalla realtà distorta che essi spesso creano e genera un maggior senso di chiarezza e di padronanza sulla tua vita” (Jon Kabat-Zinn).

Sviluppato verso la metà degli anni ’90 il Mindfulness based cognitive therapy è un trattamento di elezione per la prevenzione delle ricadute nella Depressione Maggiore indicato soprattutto per i casi di Depressione cronica (3 o più episodi nel corso della vita).
Gli autori del protocollo, Segal, Williams e Teasdale, hanno sviluppato il modello MBSR di Jon Kabat-Zinn (presso la cui scuola si sono personalmente formati), integrandolo con interventi propri della psicoterapia cognitiva disegnati su misura per i pazienti con depressione maggiore.

Rispetto alla psicoterapia cognitiva, l’MBCT tende ad occuparsi più del processo del pensiero, (cioè del modo di funzionare della mente), che dei contenuti dei pensieri stessi, con l'obiettivo non tanto di trasformarli e di entrare in relazione con essi, quanto di riconoscerli per quello che sono (cioè solamente dei contenuti mentali senza caratteristica di concretezza e di realtà) e di lasciarli andare: "I pensieri non sono fatti" dunque è possibile agire senza esserne condizionati.
Il protocollo ha la stessa durata e cadenza settimanale dell’MBSR. E’ quindi strutturato in otto incontri monosettimanali di due ore più un incontro intensivo di sei ore.

 


PER INFO E ISCRIZIONI Segreteria Centro Clinico De Sanctis - Tel. 06 97614021/5103

D.ssa Stefania Borghi (Medico Psicoterapeuta, Istruttore Protocolli Mindfulness based) - 340 6873115
D.ssa Marina Russo (Psicologa Psicoterapeuta, Istruttore Protocolli Mindfulness based) - 3393314377

 

CENTRO CLINICO DE SANCTIS Sede Legale: Viale XXI Aprile 15, 00162 Roma | Sede operativa Via F. De Sanctis 9, 00195 Roma p.Iva 09322031007
Tel: 06.97614021 / 4986/5103 | Informativa estesa cookies
Sito: www.centroclinicodesanctis.it | Email: info@centroclinicodesanctis.it sito joomla realizzato da Pensare Web

Login or Register

LOG IN