I Seminari

IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI ALIMENTARI

Il videocorso offre una trattazione ampia dei disturbi alimentari dalla diagnosi alla terapia.

Leggi tutto

videocorsi

Recensione del Prof FABRIZIO GIULIMONDI* del nuovo libro di Cecilia La Rosa e Antonio Onofri

Depressione, affrontare il male (non più) oscuro
di Cecilia La Rosa e Antonio Onofri
2017, Edizioni San Paolo - 14,00 euro

recensione di FABRIZIO GIULIMONDI*

Mi piace chiamarle “La trilogia dell’essere umano, delle sue sofferenze e della possibilità di uscirne” le tre opere scientifico - divulgative “Il lutto. Psicoterapia cognitivo-evoluzionista e EMDR”, “Trauma, abuso e violenza” e, da ultima, “Depressione. Affrontare il male (non più) oscuro” (San Paolo), di Antonio Onofri e Cecilia La Rosa (prefazione di Vittorino Andreoli).

Il titolo di quest’ultimo lavoro appena uscito nelle librerie italiane predispone il lettore ad un atteggiamento guardingo di attesa. V’è un presagio che si intravede fra le parole poste tra parentesi: “Il male (non più) oscuro”.
Tutti i lavori della coppia professionale Onofri-La Rosa sono scrutati attraverso un cannocchiale “speciale”. Da ogni pagina sembra provenire un vociare che appare sussurrare “Ce la puoi fare”.

Ogni riga è scienza ed umanità, tecnica e sentimenti, rigore metodologico ed emozioni. Se viene configurato il problema, se ne vengono esplicitate le cause, ne viene tracciato con chiarezza anche il percorso per uscirne. “Depressione. Affrontare il male (non più) oscuro”, al pari di “Trauma, abuso e violenza” -  di cui può essere considerato il “secondo tempo” - adopera mezzi espressivi agevolmente comprensibili, accompagnati da schemi, epiloghi chiarificatori al termine di ogni capitolo e tavole sinottiche, mantenendo uno stretto rigore scientifico nella terminologia adoperata e nei temi affrontati.

La depressione, da “Il male oscuro” del vincitore del Premio Campiello 1964 Giuseppe Berto, a “male” che si può ridimensionare, controllare, sconfiggere.
La depressione, ossia quella galleria senza luci, senza segnalazioni luminescenti, senza alcun tipo di bagliore, priva del baluginio di una fiammella di una lontana candela. Il terapeuta si insinua in essa, vi scava dentro e rimuove ostacoli pervicaci e duri frapposti dal paziente. E’ il passato che fa paura e fa soffrire. Capire, indagare, mettere tutti i tasselli del puzzle sul tappetto, unire passato e presente, individuo e Comunità, anima e corpo, persona e famiglia, amici e parenti. “L’altro”, questo essere misterioso che va strutturato e destrutturato e non si sa se è un nemico o un amico. Capire. Capire è una operazione complessa, è comparazione, è rompere il rifiuto al dialogo del paziente.

La paura. Il ricordo. Il passato. La sofferenza. Soffrire per ricordare, ricordare per guarire, guarire per tornare indietro verso il futuro. Le stelle sono la meta. Nel buio non si riescono a vedere, l’oscurità è troppo densa, lo impedisce. Il terapeuta sta lì per farle ri-vedere. Le stelle ci sono anche durante il giorno ma non si palesano agli occhi umani. Vi sono le stelle e vi sono la luce e il sole anche quando non li vediamo. Ci sono, la depressione non li fa vedere, ma vi sono. Gli Autori operano un’azione maieutica che provoca la liberazione dell’animo del depresso dalla ragnatela che lo soffoca senza tregua. Il paziente vedrà impercettibilmente un rinnovato movimento corporeo, un inaspettato ed improvviso scintillio dell’anima.
Onofri e La Rosa sornioni, senza che il lettore se ne accorga, fanno emergere la possibilità di una nuova vita, di nuovi amori e nuovo lavoro e nuove passioni, anche di altre sconfitte. Ora però si è ben compreso: dopo le sconfitte sopraggiungeranno sempre nuove vittorie.

Dal pregresso cupo silenzio si risente lentamente il suono del  pulsar del cuore.
Lutto. Trauma. Depressione. Vita.

* dal blog  del prof. Giulimondi http://giulimondi.blogspot.com

News & Eventi

Prev Next
Guarire la frammentazione del sé. Come integrare le parti di sé dissociate dal trauma psicologico

Guarire la frammentazione del sé. Come i…

Janina Fisher: Guarire la frammentazione del sé. Come integrare le...

Leggi tutto
Processi cognitivi e disregolazione emotiva

Processi cognitivi e disregolazione emot…

VITTORIO GUIDANO, GIOVANNI LIOTTI E IL CUCCHIAIO DI FILIPPO IL...

Leggi tutto
Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'atto terapeutico

Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'a…

Fabio Monticelli recensisce: Bruno Bara: Il terapeuta relazionale. Tecnica dell'atto...

Leggi tutto
Protocollo MBSR

Protocollo MBSR

Protocollo MBSR: inizio giovedì 29 novembre dalle 20.00 alle 22.00 Al via il...

Leggi tutto
La Casa della Solidarietà

La Casa della Solidarietà

Il CCDS offre la propria consulenza a La Casa della...

Leggi tutto
Il CCDS costituisce l'associazione Libera.mente

Il CCDS costituisce l'associazione Liber…

Il CCDS annuncia la nascita dell'associazione Libera.mente: una associazione no...

Leggi tutto
Neurofarmagen, test genetico salivare

Neurofarmagen, test genetico salivare

Il Centro Clinico de Sanctis utilizza Neurofarmagen, il test genetico...

Leggi tutto
CENTRO CLINICO DE SANCTIS Sede Legale: Viale XXI Aprile 15, 00162 Roma | Sede operativa Via F. De Sanctis 9, 00195 Roma p.Iva 09322031007
Tel: 06.97614021 / 4986/5103 | Informativa estesa cookies
Sito: www.centroclinicodesanctis.it | Email: info@centroclinicodesanctis.it sito joomla realizzato da Pensare Web

Login or Register

LOG IN